Marcello Mannuzza

L’opera dell’artista Marcello Mannuzza acquisita dal Museo a cielo aperto di Denice, dedicato alla ceramica contemporanea
L’opera dell’artista Marcello Mannuzza installata nel borgo di Denice, nell’ambito del Museo a cielo aperto dedicato alla ceramica contemporanea

Nel museo

Alba
2015
Argilla semirefrattaria, bassorilievo, smalti speciali, cottura a granfuoco
ø cm 40
Opera acquisita nel 2015

Critica

Il lavoro di Marcello Mannuzza è riconducibile a un grande percorso lineare che rimanda a inusitate cartografie di rilievi e di avvallamenti. Il risultato è un grande schermo capace di fornire, seppur in modo allusivo, percorsi e segnali precisi. Gli schemi compositivi ottenuti con intensa valenza cromatica, arricchita da iridescenze e sfumature esaltate da rilievi e da affossamenti, permettono di comporre strutture di immagini nuove.

I suoi bassorilievi sono un esasperato divincolarsi della linea astratta, ma nel contempo allusiva, che si traduce nel guizzo nervoso di un tracciato ritmico, ondulato, tondo, che si muove in uno spazio di colore.

Biografia

(Stella S. Giovanni, 1950) inizia il suo percorso espositivo nel 1973 con una mostra collettiva a Castellamonte. Nel 1974 espone alla Fiera di Monaco di Baviera, alla Mostra Internazionale di Gualdo Tadino e a New York in Park Avenue. Nel 1977 presenta una personale alla Galleria La Prima di Sestri Ponente, poi a Pontremoli viene insignito con la Gerla d’Oro al Premio Bancarella. Dal 1979 insegna Ceramica nelle Scuole Professionali di Genova e nella Scuola di Ceramica di Albisola Superiore.

Dal 2007 realizza il Premio Luzzati per la Regione Liguria consegnato al vincitore del Festival di Sanremo sezione giovani. Performances da segnalare: nel 2005 Pozzo Garitta Albissola Mare con Emanuele Luzzati; nel 2007, 2008 e 2013 con Carlo Pizzichini, rispettivamente ad Avigliana, a Palazzo Piccolomini di Pienza e a San Quirico d’Orcia. Nel 2008 realizza una installazione alla Fortezza del Priamar di Savona nella mostra Priamar d’Autore 2008. Nel 2009 partecipa al Festival Internazionale della Maiolica 2009, dove presenta due opere e riceve la menzione. NOIR è il titolo di una esposizione personale promossa nel 2010 al Circolo degli Artisti di Pozzo Garitta; nello stesso anno crea anche un’opera per il Museo dei Lumi nella Sinagoga di Casale Monferrato e un’altra per il Museo Nazionale Giuseppe Garibaldi, nell’isola di Caprera per il 150° dell’Unità d’Italia. Nel 2012 viene selezionato per la mostra Tradition and Innovation – Italian Olympic Spirit organizzata dalla Prof.ssa Renata Freccero, a Casa Italia Coni per i Giochi della XXX Olimpiade di Londra. Nel 2014 viene insignito con la medaglia Antica arte dei vasai dalla Nobile Contrada del Nicchio di Siena.

Altre opere