Anny Ferrario

L’opera dell’artista Anny Ferrario acquisita dal Museo a cielo aperto di Denice, dedicato alla ceramica contemporanea
L’opera dell’artista Anny Ferrario installata nel borgo di Denice, nell’ambito del Museo a cielo aperto dedicato alla ceramica contemporanea

Nel museo

Mar Rosso
2011
Refrattario, smalti, fusioni in ottone
ø cm 48
Opera acquisita nel 2013

Critica

L’immagine che Anny Ferrario ottiene e ricerca nelle sue opere è equidistante sia dall’impulso generato dalla visione reale,
sia dall’intelaiatura astratta provocata da un bilanciato razionalismo. Questa equidistanza pone l’immagine in un equilibrio delicatissimo, misterioso e mai esaurito, che può corrispondere solamente al prodotto della fantasia riscontrabile in una fervida immaginazione.

Lo spettacolo dei colori e dei segni del mondo, ottenuto anche con l’inserimento di piccole fusioni figurali in ottone, subisce una decantazione estrema e la melodicità delle forme e gli accordi cromatici di uno spazio poetico totalmente inventato, prolungano la loro risonanza oltre i confini fino a confondersi e fondersi con le forme vicine.

Biografia

(Como) vive e lavora a Ispra in provincia di Varese. Incisore, scultore e ceramista, crea inoltre gioielli in fusione a cera persa. Dal 1992 è presidente dell’Associazione culturale Atelier Capricorno con sede a Cocquio Trevisago; a Luino, sul Lago Maggiore, ha aperto lo showroom Studio d’Arte Alchimia dove sono esposte in permanenza le sue opere. Fa parte dell’Associazione Liberi Artisti della Provincia di Varese. Sue mostre personali sono state allestite in numerose città italiane. All’estero ha esposto in Svizzera, Belgio, Germania, Stati Uniti, Giappone, Cina e Lituania.

Alcune mostre personale recenti: Galleria La Bilancia di Varese con Bestiario, alla Ferratec Galerie di Zurigo con Apprendista stregone, alla Libreria D&D di Ravenna con Silentia Lunae, al Centro dell’incisione di Milano con Scacco! Una scacchiera alchemica, allo Spazio Zero di Gallarate con Inventario, allo Studio d’arte Alchimia di Luino (Va) con Il seme della fantasia e al Centro dell’incisione di Milano con Profondo blu. Tra le mostre collettive recenti vanno segnalate la seguenti: The Art Alliance Gallerie di Philadelphia, il Castello di Belgioioso (Pv) con Ornamenta, la Civica Galleria d’Arte Moderna di Gallarate con Due Associazioni d’arte della Provincia di Varese, al Museo Internazionale del Design Ceramico di Cerro di Laveno (Va), alla Ikedaia Gallery di Tokyo con Italian handcraft tour in Japan, all’Università dell’Insubria di Varese con Arte in Università, al Museo d’Arte Contemporanea Amici della Ceramica di Albisola Marina (Sv), a Como con Philophilo a cura di Luciano Caramel, a Villa Pomini di Castellanza con Ceramica d’arte, ai Musei Civici di Villa Mirabello a Varese con Varese in_comune, a Collezione Arte e Arte Textile 07 Kanaus Art Biennal in Lithuania, nel Comune di Celle Ligure (Sv) in Ceramica in Celle, alla Gam Civica Galleria d’Arte Moderna di Gallarate con La ragione dell’utopia, al Civico Museo d’Arte Moderna Castello di Masnago (Va) con Artparty sferica 2010, al Museo Internazionale del Design Ceramico di Cerro di Laveno (Va) con Vasomania, a Palazzo Bellini di Oleggio (No) con Natura morta/natura viva e al Civico Museo d’Arte Moderna Castello di Masnago (Va) con Trilogia.

Altre opere